Skip to main content

Ocrelizumab per via sottocutanea: arriva il via libera della Commissione Europea

Redazione By 28 Giugno 2024No Comments
NewsSpeciali
Ocrelizumab via sottocutanea

La Commissione Europea ha autorizzato l’immissione in commercio di ocrelizumab per via sottocutanea per il trattamento delle forme recidivanti e primariamente progressive di sclerosi multipla. Si tratta di una formulazione che potrebbe favorire l’accesso a questa terapia, trattandosi di un’iniezione di 10 minuti somministrata due volte all’anno e avente lo stesso schema posologico dell’infusione endovenosa approvata in precedenza.

“Ocrelizumab ha trasformato il trattamento della sclerosi multipla – ha commentato Carlo Pozzili, professore ordinario presso il Dipartimento di Scienze Neurologiche dell’Università di Roma “La Sapienza” – essendo stata la prima terapia anti-CD20 approvata per questa patologia. Oggi, con l’approvazione della formulazione sottocutanea, la terapia diventa ancora più semplice richiedendo due sole somministrazioni l’anno della durata di 10 minuti, senza dover ricorrere a una procedura endovenosa”.

L’approvazione della Commissione Europea si basa sui dati registrativi dello studio OCARINA II, trial internazionale di fase III, multicentrico e randomizzato volto a valutare la farmacocinetica, la sicurezza e l’efficacia clinica e radiologica della formulazione sottocutanea di ocrelizumab rispetto alla formulazione endovenosa in 236 pazienti con sclerosi multipla recidivante o primariamente progressiva.

Lo studio ha raggiunto gli endpoint primari e secondari, dimostrando la non inferiorità di ocrelizumab per via sottocutanea rispetto all’infusione endovenosa, sulla base dei livelli nel sangue, e un controllo comparabile dell’attività clinica e radiologica della malattia. Anche il profilo di sicurezza di ocrelizumab per infusione sottocutanea, infine, è risultato coerente con il profilo di sicurezza dell’infusione endovenosa.