Skip to main content

Il delirium è un fattore di rischio per l’insorgenza di demenza?

Redazione By 9 Aprile 2024No Comments
NewsSpeciali
delirium demenza

Il delirium è un fattore di rischio per l’insorgenza di demenza nei pazienti anziani?

Sono stati pubblicati sul BMJ i risultati di uno studio che ha valutato la forza e la natura dell’associazione tra delirium e demenza in una popolazione di pazienti anziani senza comprimissione cognitiva alla baseline (1).

Lo studio, di coorte retrospettivo, ha analizzato i dati amministrativi relativi a 650.590 soggetti di età ≥65 anni seguiti dal 2001 al 2020 presso ospedali pubblici e privati dell’area del New South Wales in Australia. Le diagnosi di demenza e delirium sono state identificate utilizzando i codici ICD-10.

Sono state formate 55.211 coppie (48% uomini; età media 83,4 anni) composte da soggetti con delirium e senza delirium, abbinate secondo caratteristiche personali e cliniche. Complessivamente, durante i 5,25 anni di follow-up, il 58% (n = 63.929) dei pazienti è deceduto e il 17% (n = 19.117) ha ricevuto una diagnosi di demenza.

I pazienti con delirium sono risultati associati a un rischio del 39% più elevato di morte (HR 1,39; IC 95% 1,37 – 1,41) e di tre volte superiore di demenza (HR 3,00; IC al 95% 2,91 – 3,10) rispetto a quelli senza delirium.

L’associazione con la demenza è risultata più forte negli uomini (P = 0,004) e caratterizzata da una dose-risposta: ogni episodio aggiuntivo di delirium è risultato associato a un aumento del rischio di demenza del 20%.

Sebbene si tratti di uno studio osservazionale retrospettivo, i risultati suggeriscono quindi che il delirium potrebbe costituire un forte fattore di rischio per il decesso e l’insorgenza di demenza nei pazienti anziani. “Le implicazioni cliniche del delirium come fattore di rischio potenzialmente modificabile per la demenza – concludono gli autori – sono sostanziali”.

Bibliografia

1. Gordon EH, Ward DD, Xiong H et al. Delirium and incident dementia in hospital patients in New South Wales, Australia: retrospective cohort study. BMJ. 2024; 384:e077634. DOI: https://doi.org/10.1136/bmj-2023-077634.